Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (2024)

La storia del logo McDonald’s è iniziata nel 1940 quando un ristorante ha aperto a San Bernardino, CA. Inizialmente, un drive-in per il barbecue, fu trasformato in un chiosco di hamburger che in seguito crebbe in un franchising. L’avvio inizialmente modesto crebbe fino a diventare la più grande catena di ristoranti del mondo per fatturato.

Crea il tuo logo con il Turbologo logo maker. Ci vogliono meno di 5 minuti e non sono necessarie competenze di progettazione.

Crea un logo

I fratelli McDonald hanno introdotto il logo Golden Arches nel 1953 in un outlet in Arizona. C’è una storia affascinante dietro il marchio. In origine, un singolo arco giallo era usato come elemento architettonico dei punti vendita McDonald’s. Solo molto più tardi, già negli anni ’60, fu introdotta una “M” a doppio arco, inizialmente sovrapposta, in evidente riferimento al nome del business.

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (1)

Ray Kroc era entrato nell’azienda come manager di franchising, ma alla fine arrivò ad acquistare la catena dai fratelli per circa 2,5 milioni di dollari. Alla guida dell’azienda, Ray introdusse alcune importanti innovazioni, a partire dalla riprogettazione architettonica ai miglioramenti del marchio.

Man mano che il business cresceva, lo faceva anche il logo. Gli archi dorati furono completati da una linea obliqua che li attraversava e che simboleggiava il tetto di un outlet. Due colori dominavano l’emblema: rosso e oro.

Quando Kroc divenne proprietario nel 1961, presentò una domanda per registrare un nuovo logo, descritto come “un simbolo a doppia M sovrapposta”. Va notato che il logo a doppio arco ha cambiato forma diverse volte e nella sua versione attuale esiste solo dal 1968.

Sommario

Simbolo della globalizzazione

Nei mass media

Gli archi d’oro

Mi piace, dovresti farlo anche tu

Cosa possiamo aspettarci dal logo di McDonald’s in futuro?

Simbolo della globalizzazione

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (2)

Nessuno può contestare che McDonald’s e il suo logo siano simboli della globalizzazione e dell’American Way. L’impronta globale dell’azienda è attualmente di circa 120 paesi, con oltre 37000 punti vendita in funzione. La catena opera principalmente attraverso franchisee sparsi in tutto il mondo. C’è persino uno speciale “Big Mac Index”, usato per confrontare il costo di un Big Mac (la principale voce del menu di McDonald’s sviluppata da un franchisee intorno al 1967) in vari paesi del mondo, il più alto è in Svizzera e il più basso in India. C’è anche una teoria, dimostrata sbagliata almeno un paio di volte, che “nessun paese con un McDonald’s è mai andato in guerra con un altro”.

Nei mass media

Essendo parte integrante dello stile di vita americano, il marchio McDonald’s non poteva che diventare un nome familiare. McDrive, McCafe, McExpress sono tutti nomi familiari ad ogni americano. La presenza culturale globale è stata raggiunta da articoli come Big Mac, McCombo, Happy Meal, per nominarne alcuni.

Vediamo il logo di McDonald’s negli spot televisivi e nei film d’azione, è veramente onnipresente. Molte pop star e celebrità hanno pubblicizzato il marchio McDonald’s.

Si vede McDonald’s ovunque in America. E non si tratta solo degli innumerevoli punti vendita. La gente passa davanti ai cartelloni dell’autostrada in macchina, le strutture del Golden Arches sono visibili da molto lontano, e i suoi spot televisivi sono sullo schermo blu di tutti almeno una dozzina di volte al giorno.

Gli spot dell'”Happy Meal” sono caratteristici in quanto, unendo fast food e giocattoli, attirano i bambini come nient’altro, inducendoli a correre letteralmente verso il locale più vicino alla ricerca di una gratificazione istantanea. La morale è questa: funzionano. E questo ci porta a una semplice formula per il successo: una melodia facile da ricordare più un logo molto visibile e semplicistico danno un marchio sorprendente.

Per sostenere il suo marchio altamente performante, McDonald’s paga la pubblicità a palate. Solo negli Stati Uniti, i suoi ristoranti spendono 5,8 miliardi di dollari. Qualcuno ha calcolato che equivale a ogni 6° dollaro speso in pubblicità in tutti gli Stati Uniti! Ci si chiede se il marchio potrebbe sopravvivere solo con il potere del suo logo.

Quando il servizio ottiene la velocità

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (3)

Se qualcuno ha un mal di denti acuto dovuto a parodontite (chi l’ha sperimentato sa com’è!) o ad altri motivi, a chi pensate che si rivolga per prima cosa? Esatto, alle cure dentistiche d’emergenza.

E a chi deve rivolgersi una persona se è passato un po’ di tempo dall’ultimo pasto completo? Un posto ordinato e confortevole che serve cibo molto velocemente, naturalmente!

Per sottolineare la loro dedizione al servizio veloce, uno dei primi loghi di McDonald’s (prima dell’era dei Golden Arches!) aveva l’immagine di Speedee, un cuoco ammiccante con una testa a forma di hamburger. La mascotte simboleggiava il modo frivolamente facile di fornire il servizio nel punto vendita che decorava.

Per trasformare i loro ristoranti in centrali di servizio veloce, i fratelli McDonald avevano fatto una serie di cambiamenti drastici alle loro operazioni originali. Il business era stato rivoluzionato in molti aspetti, ma quello chiave era l’uso dei principi di produzione in linea per il fast food. In origine, quello dei fratelli era un drive-in per il barbecue. Ripensarono completamente il loro menu, decidendo di concentrarsi su hamburger e patatine fritte. Tutti i cambiamenti erano finalizzati a riempire gli ordini dei clienti il più velocemente possibile.

Gli archi d’oro

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (4)

Il McDonald’s non ha sempre avuto gli archi dorati nel suo logo. Il suddetto Speedee lasciò il posto ai Golden Arches solo nel 1962. Gli archi erano sovrapposti allora, ricordando la lettera “M” solo ad un certo angolo di visione. Erano anche archi completi, cioè che andavano con tutte le gambe fino alla linea di base, non come la versione del 2006 dove sono stati introdotti i semi-archi.

Prima del 1968, il logo combinava l’architettura dell’edificio, rappresentata da una barra trasversale inclinata, con la “M” sovrapposta come in McDonald’s. Questo logo fu approvato da Ray Kroc in persona.

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (5)

Tra il 1968 e il 1968 però, un nuovo redesign attendeva il logo. Il nuovo logo non aveva più la barra trasversale e gli archi furono spostati uno rispetto all’altro, in modo che le loro due gambe fossero leggermente sollevate e unite per formare una lettera “M” inequivocabile. Questa mossa del designer continuò a vivere fino ai giorni nostri.

In ogni caso, partendo dall’elemento architettonico iniziale, un singolo arco, il logo si è evoluto in uno dei marchi più riconosciuti al mondo. Una storia affascinante!

Oggi l’aspetto stilizzato a ‘M’ degli archi appare completo: L’uomo in cima a una scala di evoluzione. Si può discutere sul valore nutrizionale dei prodotti McDonald’s, ma nessuno ha mai messo in dubbio che in termini di affari era assolutamente un mago.

I Golden Arches ora simboleggiano il successo in quasi tutte le famiglie, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo.

Mi piace, dovresti farlo anche tu

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (6)

Come abbiamo visto sopra, la storia del logo McDonald’s ha visto un bel numero di revisioni, soprattutto dalla fine degli anni ’60 ai primi anni 2000.

Una delle principali è senza dubbio la campagna “I’m lovin’ it” dell’estate 2003.

Molti esperti considerano la suddetta iniziativa una delle più importanti nella storia di McDonald’s. Infatti, lo slogan “I’m lovin’ it” ha guadagnato una popolarità senza precedenti in tutto il mondo. La campagna non ha fatto a meno di un logo ridisegnato. Era probabilmente un omaggio ai tempi dell’animazione 3D per avere i Golden Arches in rilievo e che gettano un’ombra sullo sfondo.

Cosa possiamo aspettarci dal logo di McDonald’s in futuro?

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (7)

Ammettiamolo: la storia di successo del logo McDonald’s è un’ispirazione per le generazioni a venire.

Alla luce delle nuove preferenze e valori delle generazioni passate e dei franchising fast-food in espansione e diversificazione, abbiamo visto un nuovo modo in cui la gente ha iniziato a mangiare fuori.

Una crescente varietà di strutture di ristorazione, da un lato, e la crescente prosperità nelle società occidentali, dall’altro, hanno portato al fatto che la gente sta cercando di trovare il miglior posto per mangiare al miglior prezzo.

L’attuale marchio McDonald’s, reso noto dal suo logo, resisterà alla prova del tempo nel mondo che cambia?

Questo lo vedremo.

Probabilmente, una delle icone popolari di maggior successo nella storia recente, il logo di McDonald’s appare elegante e sorprendente, che sia su un’insegna al neon, un poster o uno schermo LCD. Una volta visto, rimane impresso nella memoria per molto tempo. E, in un paesaggio urbano, il logo dai colori vivaci e invitanti non è facile da mancare.

Con tutto ciò, il design del logo non è niente di troppo sofisticato.

Il segreto elusivo del logo sta probabilmente nel suo perfetto connubio di colori, forme e semplicità. Una cosa di cui possiamo essere certi è che mentre il potenziale del logo è ancora enorme, le sfide che si profilano nel futuro molto probabilmente richiederanno ulteriori modifiche al suo design attuale.

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (8)

Chi ha disegnato il logo di McDonald’s?

Jim Schindler disegnò il logo di McDonald’s nel 1962, quando fu assunto per renderlo più aziendale. Abbozzò 2 archi, e li combinò insieme, possono anche essere letti come “M”. Ora questo logo è riconoscibile in tutto il mondo.

Perché il logo di McDonald’s è giallo?

Il logo di McDonald’s è giallo perché questo colore è associato alla felicità. Può essere facilmente visto durante il giorno e la notte. E secondo gli psicologi la combinazione di giallo e rosso provoca un aumento dell’appetito.

Perché gli archi dorati?

Gli archi dorati simboleggiano l’idea che possedere un franchising McDonalds è come avere una miniera d’oro. Inoltre, gli archi dorati rappresentano la porta d’ingresso per un business di successo.

Perché il logo di McDonald’s è efficace?

Il logo di McDonald’s ha tanto successo grazie a questi tre fattori: forma, colore e carattere. La forma “M”, gli archi dorati è conosciuta in tutto il mondo. I colori rosso e giallo sono accattivanti per ogni età. A partire dai bambini, che associano questi colori ai giocattoli. E finendo ai pendolari che cercano qualcosa di buono e veloce da mangiare. Il carattere “M” è molto facile da leggere. Più il logo è semplice, più è attraente.

Qual è lo slogan di McDonald’s?

“I’m loving it” – questo è lo slogan di McDonald’s in questo momento. È il suo slogan dal 2003. Ed è lo slogan più lungo che non è stato cambiato.

Other posts

  • Logo di panetteria o pasticceria: 15 esempi di logo
  • L’importanza del logo nel posizionamento dell’azienda
  • Loghi neri: cosa succede se il colore nero è il migliore per il tuo logo
  • 18 incredibili loghi degli anni ’90 che ti porteranno indietro nel tempo
  • Panoramica e storia del logo Adidas

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (9)

Victoria Maybach

Editor di blog e specialista di content marketing presso Turbologo. Scrivere di marketing e design. Gli articoli di Victoria contengono suggerimenti utili su come costruire un marchio e promuoverlo online.

Il logo di McDonald’s: la storia di un design di successo (2024)
Top Articles
Latest Posts
Article information

Author: Patricia Veum II

Last Updated:

Views: 6233

Rating: 4.3 / 5 (64 voted)

Reviews: 87% of readers found this page helpful

Author information

Name: Patricia Veum II

Birthday: 1994-12-16

Address: 2064 Little Summit, Goldieton, MS 97651-0862

Phone: +6873952696715

Job: Principal Officer

Hobby: Rafting, Cabaret, Candle making, Jigsaw puzzles, Inline skating, Magic, Graffiti

Introduction: My name is Patricia Veum II, I am a vast, combative, smiling, famous, inexpensive, zealous, sparkling person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.